I MATERIALI – PARTNERSHIPS

Nella mia testa, al momento in cui ho cominciato a pensare all’ ALL AROUND THE WORLD TWO, è nata una idea che, mano a mano che procedevo, si è fatta sempre più concreta e realizzabile: in questo viaggio avrei usato solo materiale prodotto da aziende italiane.

Non sono un filosofo, mi sento più un pragmatico, il mio senso pratico è molto “sviluppato” e quindi certe elucubrazioni che vedo e leggo su certi blog mi lasciano del tutto indifferente… una azienda la considero italiana quando la ideazione, la progettazione, la commercializzazione del prodotto è tutta Made in Italy; se poi, per ovvie ragioni di costi, la produzione viene realizzata a Taiwan piuttosto che in Turchia, in Cina o in India a me poco interessa!!

Poi c’è da dire che, essendo un pragmatico, mi sono accorto che devo anche tenere conto del reale utilizzo del materiale e quindi in un caso, uno e uno solo, mi sono dovuto rivolgere ad una azienda straniera perché sul mercato italiano non esisteva un prodotto con le caratteristiche che servivano a me.

Ma veniamo al dunque e cominciamo…

ABBIGLIAMENTO IN MOTO

Quando sono andato ad EICMA 2018 non avevo le idee chiare; cercavo una azienda italiana, magari veneta, che producesse del buon materiale (e nel Veneto ce ne sono parecchie… e molto conosciute anche), di qualità, da usare in un viaggio lungo più di un anno: mi sono imbattuto nello stand MOTO ONE ed ho conosciuto il patron, Paolo Pandin, che subito si è dimostrato interessato alla mia iniziativa. Abbiamo parlato dei pregi del materiale da loro prodotto, mi ha presentato la moglie Luana (che con Lui ha iniziato l’avventura di questa nuova start up), ho conosciuto il figlio Filippo (che si occupa della comunicazione), insomma c’è stata subito una straordinaria sintonia, forse anche per il fatto di parlare lo stesso dialetto: MOTO ONE infatti si trova a Fontaniva, in provincia di Padova, a poche decine di km da casa mia. Mi forniranno praticamente tutto il materiale da usare in moto (eccetto stivali e casco): la giacca ed i pantaloni 4 stagioni in cordura DuPont con imbottitura termica Thermolite 3M e membrana traspirante e 100 % impermeabile (mod. GT360/M + Rider 360/M), l’antipioggia realizzato in Rip-stop 210-T PVC Nylon 190-T e Max Dura 600-D (Nilo JKT + Nilo PANT), i guanti (estivi mod. STAR + invernali mod. DAYTONA), l’intimo tecnico prodotto in polipropilene dryarn e carbonio energizzato (sia estivo che invernale), i calzetti da mettere sotto gli stivali. I Pandin sono una famiglia con la passione per la moto nel sangue (Paolo viene dal motocross dove è stato anche dirigente federale, Filippo è appena tornato da una lunga avventura in moto in Mongolia) e con loro è stato veramente facile intendersi!

CASCO

Nella stessa edizione della fiera milanese sono andato anche allo stand della CABERG, l’azienda bergamasca che produce ottimi caschi ad Azzano S. Paolo; ho incontrato Andrea Donghi, gli ho proposto la collaborazione con la fornitura di un casco adatto al ALL AROUND THE WORLD TWO e la Sua risposta immediatamente positiva mi ha un po’ spiazzato (oltre ad avermi onorato, ovviamente): dopo aver usato i prodotti Nolan e Airoh nei viaggi precedenti avere CABERG al mio fianco in questo evento non era così scontato. Il casco che utilizzerò sarà quindi il nuovo modello modulare/apribile 2020 dell’azienda bergamasca, l’HORUS. Un casco con doppia omologazione (P e J),doppia visiera e pin lock, ampia visuale (82°) e che la Caberg inoltre equipaggerà anche con il sistema di interfono integrato JUST SPEAK EVO di comunicazione. La colorazione scelta è bianco metallizzato, rosso, blu e azzurro.

STIVALI MOTO

Saranno un paio di bellissimi T SPIRIT 3 della ELEVEIT di Montebelluna (TV) gli stivali che mi accompagneranno in tutti i giorni di guida in moto di questa viaggio lungo un anno. Con l’azienda di padron Zanatta abbiamo optato per questo modello per le sue doti di robustezza e impermeabilità (garantita dalla fodera E-Dry), per la suola a doppia densità, per la calzata ergonomica e confortevole, per la chiusura con doppio gancio e le protezioni su malleoli, tibia, dita e tallone: un vero must!! L’intermediazione poi di Emanuel Dolci si è rivelata veramente determinante per la collaborazione con l’azienda trevigiana.

E con stivali, casco, abbigliamento e antiacqua, guanti, intimo ho completato il materiale necessario alla guida in moto. E quando non in moto? Saranno veramente molti i momenti che non passerò sopra alla mia fida cavalcatura ed importantissimo sarà anche l’equipaggiamento della moto stessa e quindi…

ABBIGLIAMENTO DA VIAGGIO

Dovendo passare più di un anno lontano da casa, dovendo adattarmi a quasi tutti i climi, dovendo fare un viaggio in moto e quindi con una possibilità di bagaglio giocoforza ridotto all’osso, la scelta dell’abbigliamento da portare con me doveva rispondere a delle esigenze ben precise: comodo, resistente, pratico, facilmente lavabile, in grado di garantire freschezza nei climi caldi e protezione quando le temperature fossero state più rigide, magari anche bello esteticamente da vedere. La scelta è caduta sui capi CANADIAN SPORTS & FISHING (la sede è in via Carlo Maria Maggi a Milano ma i negozi sono un po’ in tutta Italia) degli ormai amici Francesco e Roberta, capi semplici e di qualità, belli, facilmente lavabili anche senza bisogno della lavatrice, ma, soprattutto, pensati da viaggiatori per i viaggiatori! Perché, come dice sempre Francesco, se viaggiare è bello… farlo con capi che siano leggeri e traspiranti, impermeabili, antivento e da utilizzare a strati lo rende ancora migliore.

CALZATURE DA VIAGGIO

Conosco la ZAMBERLAN da tantissimi anni, è considerata una delle migliori scarpe “da montagna” sul mercato (e anche una delle più antiche, visto che la fondazione da parte di Giuseppe Zamberlan in un laboratorio artigianale ai piedi delle Piccole Dolomiti risale al 1929), i miei amici che amano i trekking di più giorni nelle nostre splendide montagne venete e trentine ne cantano le lodi, ma personalmente non le avevo mai provate. E’ stata quindi una bella emozione (ed anche un sincero moto di orgoglio) quando Marta Ceretta del marketing dell’azienda di Pievebelvicino (VI) ha risposto positivamente alla mia email di richiesta di collaborazione; ci siamo incontrati alla Fiera di Vicenza, abbiamo discusso, abbiamo concordato per due paia di calzature (una low ed una high) e sono proprio curioso di testarle in giro per il mondo, dal Pamir alle Ande, dall’outback australiano alle savane africane ma anche per le strade di Vladivostok, di New York o di Kinshasa.

EQUIPAGGIAMENTO MOTO

Leader mondiale delle plastiche per moto siano esse parafanghi o serbatoi, paramani piuttosto che carene la ACERBIS di Albino in provincia di Bergamo ha ormai da anni diversificato la Sua produzione ed ora dai Suoi stabilimenti escono caschi, abbigliamento (sia da moto che casual), borse, protezioni ed altro ancora. Io mi sono rivolto ad Andrea Federico De Virgilis, Marketing & Communication Manager dell’azienda bergamasca, e con Lui abbiamo concordato per utilizzare durante il viaggio borse (quella completamente impermeabile da 40 lt che conterrà tutto il mio bagaglio personale, marsupi (2 da 6 lt che utilizzerò come borse da paramotore), protezione per la schiena, zainetto con riserva d’acqua da 2 lt e i due serbatoi supplementari da 5 lt ciascuno che saranno agganciati alle borse laterali. E nemmeno 15 gg dall’averne parlato a casa è arrivato un bel pacco con tutto quanto richiesto. Davvero un bell’esempio di professionalità e fiducia nei miei confronti. Grazie Andrea.

Ha invece sede a Viadana la LAMPA, l’azienda fondata negli ormai lontani anni ‘60 da Aldo Marutti “le cui radici per il futuro affondano nel passato”, come recita la Sua Storia. Perchè scegliere LAMPA, dirà qualcuno? Ma semplicemente per una gamma di prodotti che vanta ben 20.000 articoli, per una qualità garantita dalle più importanti omologazioni internazionali, per l’assistenza post vendita garantita da una rete commerciale di supporto composta da agenti qualificati ed esperti del settore, per l’avanzato sistema di gestione informatizzato degli ordini. Troppo lunga la lista degli articoli, concordati con il responsabile del marketing Juri Rosselli: saranno più di 40 (in diverse quantità) che faranno parte della loro fornitura ed in particolare action cam (3), interfono, chiavi di vario tipo, kit sanitario, fascette e nastro e fil di ferro, cinghie di fissaggio di diversa lunghezza e spessore, etilometro, power bank, attrezzi multifunzione, lucchetti, guanti, compressore… e chi più ne ha più ne metta. Non posso certo lamentarmi!!

Nella classifica delle migliori valigie in alluminio per moto realizzata dalla prestigiosa rivista “Motociclismo” sono risultate le migliori. E’ quindi con grande orgoglio che posso annunciare che KOBOLDBIKE, fabbrica artigiana con sede a Sassomarconi (BO), entra a far parte del gruppo dei partners del ALL AROUND THE WORLD TWO. Che modello utilizzerò? Questo ancora non lo sappiamo, perchè secondo le parole di Rita e Giampaolo (i due fondatori) “Koboldbike è artigianalità pura, non ci saranno mai due valigie identiche. I nostri prodotti sono completamente Made in Italy anzi Made in E.Romagna dalla progettazione alla produzione e vendita e tali resteranno. Tutto manuale niente robotizzazione.” e per per me ed il mio viaggio stanno pensando a delle soluzioni ad hoc, uniche, in funzione della moto che verrà utilizzata. Tutto è nato da una mail spedita a luglio; di ritorno dal viaggio in Francia, Spagna e Portogallo sono stato invitato ad andarli a trovare in via Porrettana, 352 e la simpatica e calorosa accoglienza è stata poi soppiantata dalla gioia quando con convinzione mi hanno detto di accettare la partnership con il giro del mondo. Adesso aspettiamo di conoscere la moto e poi di andare all’inaugurazione del nuovo capannone dove si stanno trasferendo: grazie Rita, grazie Giampaolo e grazie Annalisa. E completo questa presentazione dicendo che sabato 10/10/2020 sono andato a Borgonuovo di Sassomarconi, in via Cartiera 126, all’ inaugurazione del capannone che sarà la nuova sede della Kobolbike: tanta gente (e tante moto!!), tanto spazio per la creatività di Giampaolo e per il Suo laboratorio, un bell’ ufficio per Rita, gli ottimi panini con salsiccia alla griglia, le birre artigianali della manifattura MFB di Bologna, ma soprattutto .. tanti, tanti modelli di borse, di telai, di piastre, di parafari, di protezioni!! Insieme all’amico Giovanni ci siamo un pò sbizzarriti nelle congetture su qualI fossero migliori e/o più adatte al viaggio dell’ ALL AROUND THE WORLD TWO ma ci ha pensato poi Giampaolo a darci le spiegazioni ad hoc e a farci capire che è meglio lasciare a Lui la scelta del materiale più adatto!!!

TRASPORTI

Nel corso di un giro del mondo che deve attraversare tutti e 5 i continenti è ovviamente necessario spostare la moto da un continente all’altro via cielo o via mare; in particolare questo succederà tra Asia e NordAmerica, tra SudAmerica ed Australia ed infine tra Australia ed Africa (invece tra Africa ed Europa mi arrangerò da solo per prendere un traghetto tra Ceuta ed Algeciras, è vero!! .. he he he ..). Forte dell’esperienza maturata nel 2017 con il rientro della mia F800GS da Nuova Delhi mi sono affidato all’esperienza nel settore dei trasporti di Paolo Federici, titolare milanese della FORTUNE INTERNATIONAL TRANSPORT. La Sua provata professionalità, la Sua umanità, una certa qual sintonia che si è stabilita nel precedente rapporto lavorativo mi hanno fatto preferire i servizi della Fortune … e gli accordi stipulati preventivamente mi hanno confermato nella mia scelta. Adesso speriamo che tutto vada per il meglio a Vladivostok, a Santiago de Chile e a Perth … ma non ho dubbi!!

Una risposta a “I MATERIALI – PARTNERSHIPS”

Rispondi a Paolo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *