La motocicletta

IL MEZZO CON CUI FARO’ IL GIRO DEL MONDO

..eh si, organizzare un viaggio in moto, un Giro del Mondo, e non sapere ancora con che moto farlo .. beh, non è proprio il massimo!!!

Adesso tutto è andato a posto, tutto è normale, la moto è finalmente ufficiale:

sarà una nera versione 2020 della

KAWASAKI VERSYS – X 300 ADVENTURE

(con fregi del classico colore verde) ad accompagnarmi lungo le strade del ALL AROUND THE WORLD TWO.

Avevo tentato in tutte le maniere di tener fede alle mie intenzioni di utilizzare solo materiale italiano ma nessuna delle aziende di casa nostra (seppur interpellate più e più volte) ha voluto credere nel progetto.

Per correttezza non faccio nomi ma Vi posso assicurare che mi sono rivolto a tutte le marche italiane presenti sul mercato, anche a quelle elettriche, ma niente da fare ..

E’ invece bastata una mail alla Kawasaki Italia di Lainate (MI) (ed il fattivo interessamento dell’amico Massimiliano Chiodi, sales area manager per il Veneto) per avere una risposta positiva; poi incontri a Lainate, tante mail per mettere a punto come prepararla e cosa portare in viaggio, ed infine in questi primi giorni di Novembre 2020 la consegna del mezzo.

Perchè una Versys-x 300? Perchè non la 650 o addirittura la 1000, nelle loro varie versioni?

E’ presto detto: cercavo una moto bassa (per poterla controllare meglio, non durante i lunghi trasferimenti ma negli spostamenti da fermo e nei posteggi). Poche volte si cade “in corsa”, molto più spesso quando si è fermi!!

Volevo quindi anche una moto che pesasse poco e i 170 kg della “x 300” , (quasi 50 kg in meno delle più performanti maxi enduro) sono un bel po’ di peso in meno; che avesse i cerchi a raggi e non in lega (i pneumatici non sono tubeless ma farò la modifica BARTubeless grazie alla collaborazione con la BART Factory); che avesse ruota anteriore almeno da 19; che avesse un serbatoio accettabile ed i 17 lt della piccola Kawasaki non sono tantissimi ma sempre di più delle concorrenti sul mercato (e poi mi porterò i 2 serbatoi supplementari da 5 lt ciascuno forniti dalla Acerbis); infine una moto non specifica da enduro ma che mi permettesse comunque una certa manovrabilità anche su strade sterrate.

Ecco, la Kawasaki Versys-x 300 è tutto questo ed io sono proprio soddisfatto della scelta. Poi ci sono anche altre cose da considerare ..

Kawasaki, oltre alla moto, mi fornirà tutta una serie di accessori veramente importanti: scarico Akrapovic, sella ribassata di 25 mm, presa elettrica 12 volt, cavalletto centrale, barre paramotore, faretti supplementari, paramani.

E pezzi di ricambio da portare con me in caso di necessità o da spedire insieme a pneumatici ed altro a fine di ogni continente: dischi freni, pastiglie, cavi freno e frizione, lampadine, kit catena-corona-pignone, leve freno e frizione, filtri olio e filtri aria, candele ..

Da non trascurare poi che nessuna delle case motociclistiche italiane avrebbe potuto darmi l’assistenza che la casa di Kobe (Japan) può assicurarmi in giro per il mondo: sono infatti ben 34 su 60 i paesi dove la rete distributiva Kawasaki è presente .. e questo, credetemi, è una gran bella assicurazione in un viaggio del genere …

Infine si sta organizzando un evento alla sede centrale della Kawasaki Heavy Industries, Ltd a Kobe in Giappone per l’arrivo del ALL AROUND THE WORLD TWO con la piccola Versys-x 300.

E la moto della Kawasaki sarà attrezzata in maniera da poter effettuare un Giro del Mondo in (si spera) tutta tranquillità da tutta una serie di accessori forniti, questi si, quasi tutti da aziende italiane: ho già detto della Acerbis (che fornirà le borse da paramotore, la borsa impermeabile da 40 lt, i 2 serbatoi supplementari da 5 lt ciascuno), la Koboldbike di Sassomarconi (che costruirà su misura le valige laterali, la piastra portaborsa posteriore, la piastra paramotore, i portabottiglie ed i portaserbatoi supplementari), la “Officina delle Toppe” (che mette a disposizione una sella personalizzata, comfort e ribassata di 25 mm), la già nominata BartFacory (che effetuerà la trasformazioni dei cerchi a raggi di serie sulla piccola Kawasaki in cerchi tubeless), la Heidenau tedesca (che fornirà 5 treni anteriore-posteriore di pneumatici tubeless K 60 Scout )

KOBOLDBIKE e ACERBIS

OFFICINA delle TOPPE e BARTubeless

HEIDENAU

Penso che più di questo dai miei partners non potessi desiderare: sono contento, sono proprio contento !!