Code .. ma non di paglia!!

Diario del 27.08

Zadar – Pontelongo 468 km 8 ore

La prima parte della mattinata è tutta incentrata sull’ incontro che avrò in municipio con i rappresentanti del Comune nell’ ambito del gemellaggio con Padova. Già ieri sera mi sono recato in Narodni trg, 1 per vedere dov’è e imparare la strada per arrivarci stamattina. Il contatto sarà con la sig.ra Ivana Dadic . Ricordo che Zara è città di quasi 80.000 abitanti, con una storia antica che parte addirittura dal IX° secolo avanti cristo, quindi ancora prima di Roma.

Arrivo presto come al solito ed aspetto qualche minuto; ne approfitto per fare due foto, una al municipio ed una al manifesto che ricorda gli europei di pallavolo femminile che la Nazionale Italiana sta svolgendo proprio qui a Zara; alle nove in punto arrivano la sig.ra Dadic ed una rappresentante delle associazioni di volontariato di Zara, anche Lei di nome Ivana; saliamo al primo piano, in sala consiliare, e ad attenderci trovo anche il consigliere per le attività sportive e le relazioni internazionali.

Dopo le reciproche dichiarazioni di rito e qualche simpatica battuta invece fuori dai convenevoli ci scambiamo i rispettivi gagliardetti, gli omaggi delle associazioni di volontariato e scattiamo qualche foto ricordo: insomma, un’incontro piacevole ed amichevole che mi rende orgoglioso di rappresentare la mia città in questo viaggio che ormai, almeno per questa parte europea, sta volgendo al termine.

Ci salutiamo cordialmente e sotto un cielo plumbeo che minaccia pioggia da un momento all’altro esco dalla città in direzione nord; al ponte che mette in comunicazione la terraferma con l’isola di Pag soffia un forte e gelido vento dai Balcani e moto e guidatore viaggiano inclinati di un bel pò di gradi. Qualche goccia bagna la visiera del casco ma sarò fortunato per il resto della giornata.

Pag presenta parecchi bei scorci ed è molto frequentata, soprattutto dai Croati e dai Tedeschi; a Pag cominciano le code che danno pretesto al titolo, perchè, per ritornare sul continente, bisogna prendere il traghetto della Jadrolinija (costo 17 kuna per il guidatore e 30 per la moto, circa 6 euro) e la coda statica di quasi 4 km che scende verso l’imbarco io (ma anche altre moto, ovviamente) la supero senza neanche mettere un piede a terra.

La strada che segue la costa è molto bella ma anche molto trafficata e le lunghe code a Senj, Novo-Vinodolskij e Krickvenica penso siano rimaste sullo stomaco alle migliaia di auto ferme per km e km; io, con qualche fermatina ogni tanto per restringimenti o traffico contrario, passo tutto e mi ritrovo, sotto un cielo che va continuando a migliorare, in breve tempo alla prima delle due frontiere, Croazia-Slovenia.

Già 11 km prima di Brdce-Starod le auto ed i camion sono in fila e se penso al tempo che passeranno prima di arrivare al border mi viene ancora adesso il mal di testa; io supero tutti ed in pochi minuti sono alla dogana dove il controllo è un non controllo in quanto l’addetto al casello prende in mano i miei documenti e me li riconsegna immediatamente senza neanche registrarli (diversa sorte invece per l’autista albanese che blocca la sua fila per non sò quanti minuti: mah ..).

Quella tra Slovenia ed Italia invece non esiste più e mi fermo solo per una foto al cartello che indica ITALIA: dopo 30 gg rientro ed i circa 200 km che mi separano da casa volano, come le rondini alte nel cielo di nuovo azzurro. Non è poesia eh, realmente si passano le Alpi e splende un bel sole nell’azzurro del cielo.

L’abbraccio di Anna quando varco il cancello è la più bella accoglienza che potessi aspettarmi .. insieme alla carbonara, naturalmente!!

Ciao ciao.

2 risposte a “Code .. ma non di paglia!!”

  1. Greetings Maurizio. I was very glad to find your blog about your trip around the World on a Kawasaki Versys 300. I too am retired (for the past 3 years). I purchased a 2020 Versys 300 a year and a half ago and I have been enjoying it tremendously. I live in a remote Village on Vancouver Island (Gold River) which is located at the end of the paved road on the West Side of the Island about 10km from the Pacific Ocean. I hope you do not mind if I live my motorcycling life vicariously through your experience. Safe Travels….

    1. Hi Garrett,
      I apologize for the late reply. I looked on google maps where Gold River is and, as soon as the covid allows freedom to travel again, I would like to visit you at your small village and exchange driving experiences of the little Kawasaki (I have my own tent, I would not bother you much !! ).
      A warm greeting. Ciao ciao. Maurizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *